Invalido al 100% senza accompagnamento? Ottienilo ora! - Risarcimenti & Rimborsi
logo-risarcimenti&rimborsi

    3518551851

    info@risarcimentierimborsi.it

    Facebook

    Instagram

    Via Sorda Samperi, 27 Modica (RG) P.Iva 05539390871 Copyright 2019 Risarcimenti & Rimborsi.
    All Rights Reserved.

    Invalido al 100% senza accompagnamento? Ottienilo ora!

    Sei stato dichiarato invalido al 100% senza accompagnamento? Potresti comunque averne diritto! Vediamo insieme le cause più comuni per cui può esserti negato l’accompagnamento e scopri come ottenerlo grazie ai nostri esperti.

    A chi spetta l’accompagnamento per invalidità al 100%?

    L’invalidità al 100% senza accompagnamento è una possibilità che bisogna valutare. Infatti, l’indennità di accompagnamento viene data solo nel momento in cui si è impossibilitati a svolgere le azioni quotidiane senza l’aiuto di un accompagnatore, infatti a ribadire ciò c’è la “legge 11 febbraio 1980, n.18 che prevede che venga corrisposta un’indennità di accompagnamento in favore dei soggetti mutilati o invalidi totali che si trovano nell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente o, non essendo in grado di compiere gli atti di vita quotidiana, abbisognano di un’assistenza continua“. Questo è stato ribadito anche dalla Corte di Cassazione con la sentenza del 30 settembre 2016 n. 19545.

    La sentenza ha definito come i requisiti previsti dalla legge siano tassativi e che non è possibile per invalidi al 100% che sono in grado di muoversi e di svolgere azioni quotidiane senza bisogno di assistenza ottenere l’accompagnamento. 

    Per quanto riguarda il riconoscimento dell’accompagamento, invece, l’INPS corrisponde questa prestazione economica senza limiti reddituali o d’età ai cittadini italiani o legalmente residenti in Italia che ne fanno richiesta nella domanda d’invalidità.

    L’indennità di accompagnamento può essere anche concessa per brevi periodi. Questo è il caso ad esempio dei malati oncologici, che possono richiedere l’accompagnamento per il periodo delle cure, nel caso in cui per effetto della chemioterapia o della radioterapia riscontrino l’esigenza di assistenza continua o l’impossibilità di deambulare da soli.

    Inoltre, questa indennità può anche essere richiesta per le persone anziane che a causa del deterioramento intellettivo e\o fisico manifestano i requisiti di cui abbiamo parlato. Oltre ai due casi specifici che abbiamo appena citato, sono tantissime le patologie che danno diritto all’accompagnamento.

    Invalido al 100% senza accompagnamento, quando viene negato? Le cause più comuni

    Hai fatto domanda d’invalidità, hai preparato tutta la documentazione medica e sostenuto la visita presso la Commissione Medica. All’arrivo del verbale di invalidità però hai avuto una brutta sorpresa: invalidità totale riconosciuta, ma accompagnamento negato. Come è possibile?

    Anche se il richiedente ha un’invalidità riconosciuta del 100%, la commissione medica concede l’indennità di accompagnamento solo se accerta il bisogno di assistenza continua. 

    La causa più comune per cui può esserti stato negato l’accompagnamento è quindi che in sede di visita la documentazione sia stata insufficiente. Oppure può darsi che tu non sia riuscito a dimostrare i tuoi reali bisogni e le difficoltà quotidiane che affronti.

    Infatti, come consigliamo sempre, nella documentazione per riuscire ad evitare di non ottenere l’accompagnamento anche se invalido al 100%, bisogna ricordare di allegare tutto ciò che viene richiesto dall’INPS comprendendo tutte le certificazioni mediche specialistiche e gli accertamenti dovuti. 

    Nello specifico, per richiedere l’indennità di accompagnamento è necessario: 

    • Il certificato di residenza o una dichiarazione sostitutiva della medesima certificazione.
    • Il Codice Fiscale.
    • Il Certificato del Medico Curante con un’indicazione specifica ossia: Persona che ha bisogno di un’assistenza continua in quanto non in grado di svolgere atti di vita quotidiana. 
    • Allegare le certificazioni di medici e specialisti per rendere nota la propria situazione medica. 

    Il modello della domanda disponibile presso gli Uffici Relazioni Pubbliche delle diverse ASL locali oppure si può anche richiedere online, presso i patronati o i sindacati. 

    Un altro motivo che potrebbe portare invece alla negazione dell’accompagnamento è legato all’aspetto burocratico della domanda di invalidità. L’accompagnamento può essere negato anche per colpa di una spunta mancante. Controlla bene il verbale d’invalidità che hai ricevuto e la domanda che avevi inoltrato per capire se si tratta del tuo caso.

    Invalido al 100% senza accompagnamento: come ottenerlo?

    Se la commissione medica ti ha riconosciuto invalido al 100% senza accompagnamento, non ti arrendere!

    Come abbiamo visto, sono tanti i motivi per cui questo può succedere, ma la soluzione c’è ed è più facile di quanto tu possa pensare.

    Entro sei mesi dal ricevimento del verdetto, puoi fare ricorso e chiedere un nuovo esame del tuo caso. Rivolgiti ad esperti che trattano frequentemente casi di ricorso per invalidità e accompagnamento per non perdere l’opportunità di ottenere tutto quel che ti spetta, arretrati compresi.

    Noi di Risarcimenti & Rimborsi siamo pronti ad ascoltare la vostra storia e a batterci per i vostri diritti!
    Abbiamo grande esperienza nei ricorsi contro l’Inps e studieremo il vostro caso con l’attenzione e la cura che merita, offrendovi tutto il supporto necessario.

    Richiedi subito la tua consulenza contattandoci tramite il form, inviando un’email a info@risarcimentierimborsi.it o chiamaci al 3395496423.

    11 Commenti

    • Andrea de Salvo
      Rispondi 5 Aprile 2022 at 12:24

      Buongiorno, volevo sottoporvi il caso di mio zio che ha riconosciuta l’invalidità al 100% ma gli è stata negata l’indennità di accompagnamento. Riuscireste ad operare anche a Cosenza(Calabria)?

      In attesa di un vostro riscontro porgo Distinti Saluti

      Andrea de Salvo

      Cell.3920714291

    • Giuseppe Bustone
      Rispondi 14 Ottobre 2022 at 2:53

      Buongiorno. Sono invalido al 100% con problemi di schizofrenia. Penso che potrei avere diritto all’accompagnamento. Voi cosa ne pensate? Grazie

    • Luigi Guidolin
      Rispondi 6 Febbraio 2023 at 23:58

      sono invalido al 100% per diabete efisema polmonare e fibrillazione atriale e artrite alle mani ,ho diritto accompagnamento? per il diabete

    • Daniela
      Rispondi 9 Giugno 2023 at 16:29

      Buongiorno,
      non riesco a capire…a mio zio hanno riconosciuto (ormai in casa di riposo per decadimento cognitivo) hanno riconosciuto invalidità 100% ma non accompagnamento.
      Cosa significa a livello economico? O meglio, significa che ha una serie di diritti ma che non percepirà assegno se non procediamo con l’accompagnamento?
      Grazie

    • Vittorio Mazzanti
      Rispondi 26 Gennaio 2024 at 15:53

      Buon pomeriggio, nia noglie81enne si trova nelle condizioni da Voi , noi abitiamo nelle Marche, operate in questa regione? Grazie e buob lavoro.

    • Vittorio Mazzanti
      Rispondi 26 Gennaio 2024 at 15:54

      Scusate per i tanti errori di scrittura.

    Lascia un Commento