Prepensionamento per depressione cronica: chi può richiederlo? - Risarcimenti & Rimborsi
logo-risarcimenti&rimborsi

    3518551851

    info@risarcimentierimborsi.it

    Facebook

    Instagram

    Via Sorda Samperi, 27
    Modica (RG)
    P.Iva 05539390871
    Copyright 2019 Risarcimenti & Rimborsi.
    All Rights Reserved.

    Prepensionamento per depressione cronica: chi può richiederlo?

    prepensionamento per depressione cronica grave: chi può richiederlo? uomo lego seduto alla scrivania da lavoro con faccia disperata.

    Nei precedenti articoli abbiamo parlato della depressione cronica ma non abbiamo analizzato attentamente quali siano i beneficiari del prepensionamento per depressione cronica.
    Come abbiamo potuto comprendere, infatti, questa tipologia di prepensionamento è correlata ad una depressione grave e soprattutto ripetitiva, ma ciò come influisce su coloro che possono richiedere il prepensionamento?
    Che cosa occorre sapere prima di richiederlo?
    Vediamolo insieme!

    Prepensionamento per depressione cronica: cos’è e come funziona

    La depressione cronica è una malattia mentale che può causare un notevole impatto sulla qualità della vita di una persona. In alcuni casi, può essere così grave da rendere impossibile continuare a lavorare.
    In questi casi, il prepensionamento per depressione cronica può essere un’opzione da considerare e un aiuto concreto per la psiche di chi ne è affetto.
    Prendere “sotto gamba” la depressione solo perché non risulta visibile agli altri come una qualsiasi altra malattia e perché affligge la sfera della mente e dell’emotività può portare a gravi problematiche e a pensieri autolesionistici o assolutistici.
    Ma il prepesionamento per depressione cronica chi può ottenerlo e come?

    Come si ottiene il prepensionamento per depressione cronica?

    Il prepensionamento per depressione cronica è un’opzione per coloro che soffrono di una forma grave e cronica di depressione che impedisce loro di continuare a lavorare.
    Per ottenere il prepensionamento, è necessario seguire una serie di passi:

    • Consultare un medico specialista in psichiatria per una valutazione diagnostica della depressione.
    • Presentare la documentazione medica al proprio datore di lavoro o all’ente previdenziale che gestisce le pensioni.
    • Attendere la valutazione da parte dell’ente previdenziale per determinare se sussistono i requisiti per il prepensionamento.

    Una volta eseguiti questi passaggi si potrà scoprire se si è ottenuto o meno il prepensionamento per depressione cronica grave.
    Ricordiamo, come sempre, che nel momento in cui si decidesse di svolgere la domanda in autonomia o affidandosi ad un CAF o patronato, ci si prenderebbe piena responsabilità di qualsiasi errore di compilazione che potrebbe portare o meno ad un rifiuto della domanda stessa, anche se effettivamente idonei.
    Ciò cosa comporta?
    Per il richiedente un’ulteriore fonte di stress o di malessere e la possibilità di dover continuare a lavorare, malgrado tutto.
    Ecco perché è fondamentale affidarsi ad esperti  che possano elargire la loro competenza e professionalità e permettervi di concentrarvi solo sulla guarigione e non sulla domanda di prepensionamento per depressione.

    Chi può richiedere il prepensionamento per depressione cronica?

    Quindi,  il prepensionamento per depressione cronica chi può richiederlo?
    Ebbene, il prepensionamento per depressione cronica è disponibile per i lavoratori che hanno raggiunto un’età pensionabile e che hanno maturato i requisiti contributivi previsti dalla legislazione italiana.
    Ciò significa che per gli uomini sarà possibile richiederla poco prima dei sessantuno anni, mentre per le donne poco prima dei cinquantacinque anni; ovviamente, è necessario che la depressione cronica sia stata diagnosticata da un medico specialista e che sia stata accertata la sua gravità e invalidità per il lavoro.
    Inoltre, sarà necessario dimostrare la cronicità di suddetta depressione, dunque occorrerà che la depressione sia di tipo cronico e grave perché possa portare ad un prepensionamento.
    Ricordiamo che il prepensionamento per depressione verrà preso in esame solo in caso di referto medico psichiatrico e come potrà essere erogato tramite tale referto, potrà anche essere ritirato qualora si dimostrasse la completa guarigione del lavoratore.

    Quali sono i vantaggi del prepensionamento per depressione cronica?

    Il prepensionamento per depressione cronica offre ai lavoratori interessati una serie di vantaggi, tra cui:

    • La possibilità di uscire dal mondo del lavoro e di concentrarsi sulla propria salute e benessere.
    • L‘accesso a una pensione di vecchiaia che può aiutare a coprire le spese quotidiane e a mantenere uno stile di vita adeguato.
    • La possibilità di ricevere cure mediche e trattamenti per la depressione che possono migliorare la qualità della vita.
    • La possibilità di uscire dalla situazione che primariamente può averci portato alla depressione cronica e evitarci altre spiacevoli complicazioni come il burnout lavorativo
    • la possibilità di uscire da una routine schematica e tossica che ha portato il lavoratore ad ammalarsi

    Questo elenco potrebbe continuare in eterno, ma solo chi è afflitto da depressione cronica grave o chi ne ha sofferto in passato può comprendere davvero quanto profondamente questa malattia possa scavare cicatrici nell’animo e nella psiche, lasciando segni indelebili e impedendo anche le azioni più comuni – ben più facili e meno oberanti del lavoro – e comprendere, dunque, quanto sia vantaggioso poter usufruire della possibilità di un prepensionamento in un contesto di fragilità emotiva così elevato.
    Ecco perché è importante non sottovalutare la depressione cronica. Se pensate di soffrirne: chiedete aiuto.

    Conclusioni

    Sei un lavoratore che soffre di depressione cronica e non sai come richiedere il prepensionamento per depressione ed ottenere l’invalidità civile o non capisci se sei idoneo per la domanda?
    Noi di Risarcimenti e Rimborsi siamo specializzati in pratiche d’invalidità e tutto ciò che riguarda la sfera della disabilità e delle pensioni di anzianità e saremo lieti di effettuare tutti i controlli necessari o una nuova richiesta per te – o per un tuo caro – al tuo posto e a risolvere quelle piccole problematiche di sorta che potrebbero venirsi a creare e che genererebbero ansie e paure in qualcuno di poco avvezzo.
     Non vuoi spendere soldi senza prima avere la certezza di essere idoneo? Il nostro primo consulto è assolutamente necessario, poiché valuteremo noi per primi l’idoneità della persona nell’effettuare la domanda per non dare false illusioni né far perdere tempo prezioso.
    Hai altri dubbi su pensioni, invalidità, accompagnamento o simili  vorresti leggere una comoda guida che ti aiuti a capire? Puoi ottenerla gratuitamente e in pochi semplici passi tramite il nostro sito web, ti basterà cliccare su questa pagina, non dovrai fare altro che inserire il tuo indirizzo email, accettare l’informativa e cliccare su “Scarica la guida” per goderti la lettura della nostra guida nel pratico formato PDF.
    Oppure puoi chiederci maggiori informazioni in merito o sfogliare il nostro blog, dove troverai sempre valide e aggiornate informazioni in merito a arretrati della pensione d’invalidità, pensioni di invalidità, accompagnamento e molto altro ancora.
    Se vuoi la certezza di essere seguiti da esperti del settore che non vi chiederanno di pagare cifre sibilline senza una consulenza conoscitiva, contatta Risarcimenti e Rimborsi e non te ne pentirai!

    Nessun Commento

    Sorry, the comment form is closed at this time.